Il Gruppo Laico Interdiocesano del Sabato Sera (GLISS)

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Padre Giacinto Cataldo O.P.

Stampa

Padre Biagio Giacinto Maria Cataldo, nato a Chiusano San Domenico (AV) il 22 agosto 1929, è sacerdote domenicano nella Basilica di San Domenico Maggiore in Napoli.  Dottore in Pedagogia, abilitato in Filosofia, Scienze dell'Educazione e Storia. Ha insegnato Religione, Storia, Filosofa e Scienze Umane in vari Licei ed Istituti Tecnici campani. A livello interscolastico a Napoli (Napolinotte Cronaca, 16 gennaio 1996), fondò l'iniziativa interculturale "A San Domenico Maggiore i ragazzi delle scuole si confrontano con la teologia della concretezza in una mostra permanente"; ospite, nella "Sala Capozzi" fin dall'88, del comitato Justitia et Pax e del movimento laicale "Gruppo del Sabato Sera".
Ha scritto articoli pubblicati su vari quotidiani tra cui L'Osservatore Romano, Avvenire, il Mattino di Napoli e su diverse riviste, tra cui "Vita Sociale", "Sapienza", "Temi di Predicazione e Omelie", "Vita pastorale", "Anime e Corpi", "Rivista di Scienze dell'Educazione", "Quaderni Cateriniani" (33-34), "Famiglia Cristiana". E stato Assistente diocesano del Movimento Maestri Cattolici (MMAC) e Associazione Maestri Cattolici (AIMC) di Avellino. Con il Professore Valerio Marinelli dell'Università di Cosenza, ha pubblicato nel Quarto Volume, Natuzza di Paravati - IV Vol.(pp. 173-199), uno studio sull'aspetto teologico delle "emografie".
Per i due trienni, è stato Superiore dei Domenicani di "San Pietro Martire all'Università" in Napoli e, inoltre per altri due trienni, è stato Superiore dei Domenicani della chiesa di San Domenico in Cosenza. Nominato per due quadrienni, Promotore di “Giustizia e Pace", ufficio costituito per la prima volta a Potenza. Nel 1989, provvide a delineare concretamente, come da "Relazione al Capitolo Provinciale di Bari 1993" e al Capitolo Provinciale di "Napoli 1997", un "Progetto" teorico e pratico di “Justitia et Pax"; da cui, nell'ambito della Provincia "S. Tommaso d'Aquino in Italia", è partita anche la presente iniziativa: "Pensando alle vite mai nate, battezzare anche i condannati all'aborto.

La Teologia dell'incarnazione con il primato della grazia per la vita nascente,  è, anche per i bimbi malati e i  condannati all'aborto, la condizione preliminare della vera e definitiva liberazione. Su tale argomento, il 25 di aprile 2008, Anniversario della Liberazione, il gruppo "del sabato sera" ha celebrerato "una sosta della memoria" presso il santuario del Getsemani, Paestum (SA), dal titolo "Nel volto dell'Altro il volto di Dio, il volto del fratello e il volto mio"
Attualmente  p. Cataldo  non è più "promotore dell'Ufficio J. Et P." ma segue con una certa continuità nel loro cammino di fede, vari Gruppi laicali tra cui, per la Diocesi di Napoli,  il C.V.S., Centro Volontari della Sofferenza e il Gruppo Laico Interdiocesano del Sabato Sera.

 

 

 

 

  

Risposta che l'attuale Papa Francesco da Cardinale, ha scritto sul volume "La Vita" di p. Giacinto Cataldo il 28 Maggio 2011

 

pfb

 

 

pf02 

 

La Sacra Bibbia

Visualizzare un brano

Brano da visualizzare:
      

Versione/i da visualizzare:

Aiuto per visualizzare un brano della Bibbia

Ricercare un'espressione

Parola o frase da ricercare:
      

Versione da ricercare:

Brano in cui ricercare:
      

Aiuto per ricercare un'espressione della Bibbia

Un servizio di La Bibbia.


 8 visitatori online

Il Vangelo del Giorno

Liturgie delle Ore

Il Santo del Giorno